brown map on map
Photo by Magda Ehlers on Pexels.com

Per gli occidentali, l’HIV / AIDS e’ un fenomeno degli anni ’80. Fu allora che l’epidemia si diffuse per la prima volta in tutto il mondo; è stato allora che gli attivisti sono stati galvanizzati per fare pressioni per cambiamenti nel modo in cui i trattamenti medici sono stati sviluppati e approvati.

E mentre l’AIDS era inizialmente chiamato “il cancro gay” negli Stati Uniti, la sua diffusione nel mondo ha molto più a che fare con il colonialismo in Africa.

Uno studio di 12 anni fa, pubblicato sulla rivista scientifica Nature , afferma che il virus HIV-1 , che causa l’ AIDS , potrebbe aver infettato per la prima volta gli esseri umani in Africa nel 1908. Gli scienziati hanno trovato parti del genoma dell’HIV in un donna ritrovata nel 1960 che viveva a Léopoldville, oggi Kinshasa , capitale della Repubblica Democratica del Congo .

Uno studio precedente aveva isolato il virus da un campione di sangue di un maschio di Léopoldville. Lo studio di entrambi i campioni e la stima di come il virus muta nel tempo ha portato i ricercatori a concludere che il virus che ha causato la pandemia di AIDS potrebbe essere retrodatato 110 anni fa circa.

Lo studio, co-sponsorizzato dal National Institute of Allergy and Infectious Diseases (NIAID), parte del National Institutes of Health degli Stati Uniti , è stato guidato da Michael Worobey ( dell’Università dell’Arizona ) a Tuscon , in Arizona e colleghi degli Stati Uniti. Stati Uniti , Francia , Belgio , Australia , Repubblica Democratica del Congo e Danimarca .

Stime precedenti indicavano che la prima infezione umana si verificò tra il 1915 e il 1941. Il nuovo studio abbandona la data tra il 1884 e il 1924, ma sottolinea una stima nel 1908.

Ora, per la prima volta, siamo stati in grado di confrontare due ceppi di HIV antico. Questo ci ha aiutato a valutare la rapidità con cui il virus si è evoluto e a fare alcune inferenze davvero forti su quando è passato agli esseri umani, su come l’epidemia è cresciuta da quel momento, e quali fattori hanno permesso al virus di entrare e diventare un agente patogeno umano di successo

Worobey

La prima infezione umana potrebbe essersi verificata ai tempi in cui le città coloniali furono stabilite in Africa. La rapida urbanizzazione nell’Africa coloniale intorno all’inizio del XX secolo potrebbe essere stata responsabile della rapida diffusione della pandemia di AIDS. Si stima che diverse migliaia di persone siano state infettate negli anni ’60.

Ad oggi l’infezione da HIV ha ucciso circa 37 milioni di persone, ma il numero esatto non si conosce ancora data la presunta retro datazione.

Comprendere l’origine e le vie dell’infezione umana del virus potrebbe aiutare a sviluppare un vaccino per prevenirlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.