L’enigma del coronavirus Variante UK

Secondo il team scientifico che consiglia il governo britannico, il nuovo ceppo ha una capacità di trasmissione maggiore (fino al 70% in più rispetto al precedente), e ciò significa che le infezioni si verificano più rapidamente, sebbene i dati di cui ad oggi disponibili non portano alla conclusione che la variante produca sintomi più gravi della malattia o maggiore mortalità. Secondo il governo britannico, fino al 62% dei nuovi contagi registrati nella capitale britannica risponde alla nuova variante, che è diventata quella dominante.

Non è il primo nuovo ceppo di mutazione SARS-Cov-2 rilevato. Il governo danese a novembre ha ordinato il massacro di milioni di visoni dopo aver rilevato un’altra variante del coronavirus che si è diffusa tra gli allevamenti e poi è passata agli umani. Questa variante del coronavirus presentava quattro nuove mutazioni, alcune delle quali nella parte più importante dell’agente patogeno: la proteina S che è essenziale per l’infezione da SARS-CoV-2 e che è l’obiettivo di molti dei vaccini in fase di sviluppo.

I virus mutano costantemente. 

Gli scienziati del governo britannico hanno identificato che ci sono 17 mutazioni collegate nel codice genetico del virus che sembrano rendere più contagioso questo ceppo appena scoperto. Secondo i ricercatori, i cambiamenti sulla superficie del virus potrebbero consentirgli di attaccarsi più facilmente alle cellule.

 “Tuttavia, non ci sono ancora prove che il nuovo virus sia più o meno pericoloso in termini di capacità di provocare malattie. Sfortunatamente, dovremo aspettare e vedere se i ricoveri e i decessi aumentano o diminuiscono per scoprirlo “

Simon Clarke, professore associato di microbiologia cellulare presso l’Università di Reading

È importante notare che il reale impatto di questi nuovi ceppi è ancora sconosciuto. “Solo la metà delle 17 mutazioni rilevate sono nella proteina S [quella che il virus usa per entrare nelle cellule umane]”, spiega Fernando González Candelas, ricercatore della Fondazione Valencian Fisabio. 

Una mutazione è un errore di stampa nel libro di istruzioni del virus, il suo genoma, che contiene una sequenza di 30.000 lettere genetiche il cui ordine è fondamentale . 

Ogni volta che il virus fa una copia di se stesso , ed è in grado di crearne decine di migliaia infettando una singola cellula, possono verificarsi errori di copia nel suo genoma. 

La stragrande maggioranza di questi errori non ha effetto, ma alcuni di essi possono conferire al virus una maggiore capacità infettiva o di diffusione, soprattutto se si trovano nella proteina S.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.