UNA DONNA SPECIALE

È una donna eccezionale. 

È una donna che ho conosciuto tempo fa. E la verità è che è riuscita a cambiare molti aspetti della mia vita, e a condizionarla anche in molti altri. Inoltre valuta sicuramente molte cose in modo diverso. 

È qualcosa di speciale.

Descrittivamente, e in termini di aspetto fisico, diremmo che è una donna equanimemente bella, che rientra facilmente nei canoni della bellezza. È alta, Mora e ha occhi neri, occhi fantascientifici. 
Ereditati da sua madre, ovviamente.

Ma quando la incontri e le parli, in pochi secondi hai già dimenticato la sua bellezza. 

È una persona intelligente. Con un’interessante capacità razionale, che a volte ti fa dubitare di ciò di cui già eri sicuro. È una persona amorevole, molto affettuosa. 

Una di quelle che non lesinano o si vergognano di dire “ti voglio tanto bene”. 

Inoltre, è il tipo che corre verso di te per abbracciarti, sotto quello che lei chiama un attacco d’amore.

È vero che è una persona interessata a quasi tutto. Molto irrequieta e molto interessata a imparare cose nuove. Gli piace scoprire ed imparare. 

E soprattutto, non ha affatto paura, e questo la fa intraprendere ogni tipo di esperienza abbastanza regolarmente.

Ma senza dubbio una delle sue migliori sfaccettature è la sua solidarietà e la sua preoccupazione di aiutare le altre persone. Ma non è solo una preoccupazione, lo mostra con i suoi fatti. Trascorre gran parte del suo tempo libero lavorando con organizzazioni locali laiche su progetti di volontariato. 

Abbiamo viaggiato insieme in molte parti del mondo, sebbene ne abbiamo anche scoperte altre separatamente e ce le siamo spiegate a vicenda. Le interessa sapere come vivono le altre persone, e soprattutto le interessa sapere cosa le muove nella vita. 
Capire gli altri fa parte della comprensione di te stesso.

Anche se quando viaggiamo insieme, non tutto è roseo. Ci sono momenti sicuramente complicati. È il momento di scattarle le foto. Oggi una foto è molto più di una foto, è qualcosa che viene postato su Instagram…
Che non mi piace l’angolo basso. 
Non mi piace quella ripresa dall’alto. 
Che non sto andando bene frontalmente. 

Comunque, non la consiglio quando si arrabbia. Non accade molto spesso, ma a volte succede.

Puoi ottenere una rabbia indifferente, in cui, inarcando il viso, e senza parole, ti sta dicendo di lasciarla in pace e non e’ interessata a nulla di ciò che sta accadendo nel tuo mondo, indifferente.

Oppure puoi ottenere rabbia, in cui ti dà tutti i tipi di esempi sul perché ti sbagli, l’hai fatto male e non meriti di essere preso in considerazione. Anche questi denti, come gli occhi, potrebbero essere stati ereditati da sua madre. Forse non dovrei scrivere questo, perché rischio di essere bloccato da sua madre su WhatsApp per sempre. Ma poiché sua madre è una donna molto comprensiva con un grande senso dell’umorismo, di certo non la prende male e non mi blocca.

E visto parliamo di famiglia, parleremo di suo padre. Lo ha sopravvalutato. La verità è che non c’è niente di interessante o divertente che si possa dire al riguardo. Ma non ho paura che suo padre mi blocchi su WhatsApp.

Abbiamo anche scoperto nuove canzoni insieme. Di tutti i tipi e tempi. 

Nonostante la nostra differenza di età, a volte ci dicono che siamo un’ottima coppia, anche se non sempre capisco cosa intendono. Quando ci dicono questo, mi rende felice perché suppongo che mi vedano più giovane di quanto non sia già. 

Amo passare il tempo con lei. Riesce a catturare la mia attenzione quando sono con lei, facendomi non pensare ad altro, qualcosa che non mi capita così facilmente.

E tutto ciò che ho descritto non è condizionato da nulla che mi circonda e nemmeno dalle mie circostanze. 

È una verità analitica e oggettiva. 

Non è nemmeno condizionata per nessuna di queste ragioni.

Non perché sia ​​la persona che amo di più.

Non perché fossi io la persona che l’ha tenuta in braccio quando aveva solo pochi secondi.

Non perché è mia figlia.

chevron_left
chevron_right
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: