Effetto Draghi

Posted on Febbraio 5, 2021Commenti disabilitati su Effetto Draghi
shallow focus photography of luigi plastic figure
Photo by Pixabay on Pexels.com

I rendimenti dei titoli di stato italiani diminuiscono drasticamente mentre Mario Draghi sembra destinato a diventare Premier

Mercoledì i rendimenti dei titoli di stato italiani sono diminuiti drasticamente all’inizio degli scambi dopo che il presidente Sergio Mattarella sembrava intenzionato a chiedere all’ex capo della Banca centrale europea Mario Draghi di formare un governo di unità nazionale.

Il rendimento delle obbligazioni a 10 anni dell’Italia è sceso di 8 punti base allo 0,57% a 720 GMT, toccando il livello più basso in quasi due settimane. Il divario attentamente osservato tra i rendimenti delle obbligazioni a 10 anni italiani e tedeschi si è ridotto a 104 pb dai 113 pb di fine martedì.

A Mario Draghi, a cui è stato attribuito il merito di aver salvato la zona euro nel 2012 come capo della Banca centrale europea, è stato chiesto di aiutare l’Italia a uscire dalla sua crisi politica ed economica in mezzo alla pandemia.

L’economista italiano è stato invitato mercoledì dal presidente del suo Paese a formare un governo a seguito del crollo della coalizione del premier uscente Giuseppe Conte.

Ha accettato con riserva, in quello che ha definito “un momento difficile” per l’Italia, mentre la terza economia della zona euro deve affrontare l’emergenza coronavirus in corso e una recessione punitiva.

Ma poiché ora tutto dipende dalla sua capacità di riunire le forze politiche per formare un governo di coalizione, Draghi è l’uomo giusto?

È diventato noto come “Super Mario” dopo essersi impegnato a fare “tutto il necessario” per salvare la zona euro durante la crisi del debito che ha dominato l’inizio della sua leadership 2011-2019 della Banca centrale europea.

Sette anni dopo, ha consegnato le redini della Bce a Christine Lagarde, dicendo all’ex ministro delle finanze francese di “non mollare mai”.

Il 73enne non ha una base di potere politico importante in Italia, ma i mercati finanziari hanno risposto positivamente alla potenziale nomina di un operatore freddo ma scaltro.

Lorenzo Castellani, esperto di politica presso l’Università Luiss di Roma, ha affermato di ritenere che un governo guidato da Draghi sarebbe “occupato al 99 per cento dalla pandemia e dal Recovery Fund”.

Ma l’economista deve ancora assicurarsi la maggioranza del sostegno tra i parlamentari, prima di sottoporsi al voto di fiducia in parlamento.

Finora il Partito Democratico appare a bordo, così come Renzi, ma il Movimento Cinque Stelle (M5S), il più grande partito in parlamento un tempo definito dal suo euroscetticismo e posizione anti-elite, è diviso.

La notizia della prevista nomina di Draghi è stata accolta con favore dai mercati finanziari mercoledì, con la Borsa di Milano in rialzo del 3% a mezzogiorno, incontrando Mattarella.

Prima di lanciarsi in una serie di incontri con le parti, l’aspirante primo ministro ha espresso la determinazione a trovare una via da seguire.

“Sono fiducioso che dai colloqui con i partiti, i gruppi parlamentari e i sindacati emergerà l’unità”, ha detto.