vase of rustic flowers on shabby table

3.800.000 Morti di COVID-19 in base allo scenario entro il 1 giugno 2021

a burial ground
Photo by sergio souza on Pexels.com

Giorni bui

Utilizzando i dati ufficiali su COVID-19 di diverse nazioni, l’IHME ha previsto l’impatto globale della pandemia in diversi scenari.
I ricercatori stimano che, se le tendenze attuali continueranno, entro il prossimo giugno 2021 il numero totale di morti raggiungerà i 3,5 milioni, cifra che potrebbe ridursi a 3.3 milioni se ogni paese adottasse la maschera universale.
I loro modelli suggeriscono che se almeno il 95% della popolazione inizia a indossare una maschera entro 7 giorni, il numero medio di morti giornaliere previste potrebbe scendere da 14.000 a circa 1600.

Ma, in condizioni diverse, la situazione potrebbe peggiorare.
Se i governi revocano le precauzioni come l’allontanamento sociale e le restrizioni sui raduni, il bilancio delle vittime potrebbe aumentare ulteriormente, raggiungendo 3,8 milioni entro giugno 2021, con circa 72.700 persone che muoiono ogni giorno. “Stiamo entrando in un momento difficile.” dice Mokdad.

La pandemia causerà anche morti che non sono incluse nel conteggio ufficiale del COVID-19, aggiunge, a causa degli effetti a catena che stanno cominciando a emergere.

Questi includono un calo delle vaccinazioni infantili poiché le persone evitano le cliniche, l’aumento del consumo di alcol e droghe illegali e l’aumento della mortalità per altre malattie mentre i sistemi sanitari sovraccarichi lottano per tenerli a bada.

Altri ricercatori sperano che il numero di morti a 2 milioni possa rappresentare un punto di svolta nel corso della pandemia.
“Spero che ci sia qualcosa nella nozione, che è un numero così potente, possa potenzialmente essere una sorta di momento di risveglio”, dice Rogers.

Ma

Con un flusso costante di dati sulla pandemia, c’è il rischio di dimenticare ciò che rappresenta il numero: il dolore di molte famiglie che hanno visto una persona cara perdere il fiato.

“Non si tratta solo di guardare i numeri.”

Fonte
doi: https://doi.org/10.1038/d41586-020-02762-y

chevron_left
chevron_right
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: