Il punto A: questo “topos” di piacere sessuale ha bisogno della tua attenzione

Posted on Marzo 21, 2021Commenti disabilitati su Il punto A: questo “topos” di piacere sessuale ha bisogno della tua attenzione
close up of grapefruit
Photo by Dainis Graveris on Pexels.com

La maggior parte di voi ha probabilmente sentito parlare del punto G, ma il punto A è un’altra zona che può produrre un intenso piacere sessuale, nonché una rapida lubrificazione e contrazioni in alcune donne. Conosciuta anche come zona AFE (Anterior Fornix Erogenous), quest’area di sensibilità si trova nel punto più profondo della vagina sulla parete superiore (anteriore) dove inizia a curvarsi verso l’alto.

Secondo il ricercatore malese, la dottoressa Chua Chee Ann, a cui è attribuita la “scoperta” del punto A, quest’area sensibile si trova oltre il punto G appena sopra la cervice. (La cervice è la parte inferiore stretta dell’utero che sporge nella vagina apparendo come una struttura circolare o simile a un tubo.)

Date un’occhiata al fantastico Beautiful Cervix Project per saperne di più su come appare la cervice.

Come trovare e stimolare il punto A: la ricerca del Dr. Chua suggerisce che la stimolazione del punto A può provocare una maggiore lubrificazione nelle donne che soffrono di secchezza vaginale. Suggerisce di inserire un dito pulito e lubrificato (tagliare prima quelle unghie!) Nella vagina lungo la parete superiore e raggiungere il punto più profondo. Mentre si e’ lì, si può anche muovere le dita per localizzare la cervice, che può sembrare rotonda, gommosa e un po ‘più soda del resto della vagina.

Una volta raggiunto il punto più profondo della vagina appena sopra la cervice, il dottor Chua consiglia ai clienti di continuare ad accarezzare e ad applicare pressione su quest’area spugnosa fino a quando non inizi a lubrificare. Quindi muovi il dito in un movimento dentro e fuori lungo la parete superiore incluso il punto G in base a ciò che ti fa sentire bene. Alcune donne sperimentano una maggiore lubrificazione e un’eccitazione più costante dopo aver stimolato quest’area per 5-10 minuti ogni giorno per almeno una settimana. Sebbene il dottor Chua affermi che la stimolazione del punto A può provocare un’eccitazione sessuale istantanea nonostante i sentimenti soggettivi (stress, noia, problemi di relazione, ecc.). Nessuna tecnica fisica da sola può “risolvere” problemi di relazione o sostituire il potere di una comunicazione onesta e aperta.

Se non trovi il punto A al primo tentativo o se non provi piacere o eccitazione, non preoccuparti: ci sono molti altri punti caldi sul meraviglioso corpo femminile.

Ogni donna è diversa e solo perché il punto A è una zona calda per alcune donne, questo non garantisce che tutte le donne apprezzeranno la stimolazione diretta. In effetti, alcune donne trovano scomoda la pressione sopra o intorno alla cervice, quindi la comunicazione è della massima importanza quando si sperimentano giochi sessuali in coppia. Utile esplorare i propri corpi da soli prima di coinvolgere un partner, poiché diventare padroni del proprio dominio può portare a migliori esperienze sessuali quando si decide di collaborare.

Sebbene il punto A si trovi nella parte posteriore della vagina, non è necessario un pene lungo per stimolare quest’area, poiché il canale vaginale medio è piuttosto corto e anche un dito indice può essere utilizzato per raggiungere la zona AFE. Mentre le dimensioni vaginali variano notevolmente da donna a donna, uno studio recente ha rilevato che la lunghezza media della vagina è inferiore a 3 pollici. Le coppie possono anche giocare con posizioni diverse per accedere a quest’area di risposta, ma dovrebbero tenere presente che la maggior parte delle donne non raggiunge l’orgasmo in modo coerente solo con la penetrazione o il rapporto sessuale.

Alla prossima, divertiti, sperimenta e pratica sempre un sesso più sicuro!

Commenti disabilitati su Il punto A: questo “topos” di piacere sessuale ha bisogno della tua attenzione