person holding injection

Anatomia di un’iniezione letale

Pensato per guarire, usato per uccidere

Una persona commette un crimine efferato, viene processata, giudicata colpevole e condannata a morte per iniezione letale. Che si sia d’accordo o in disaccordo con la pena di morte, la questione di come queste droghe inducano la morte è una considerazione tanto della scienza quanto della politica.

Le persone pensano alle droghe letali per iniezione, presumendo che siano droghe speciali progettate esclusivamente per le esecuzioni.
Questo è parzialmente vero.

Storicamente, i farmaci utilizzati per le esecuzioni sono stati gli stessi farmaci che per decenni sono stati utilizzati dai medici nelle sale operatorie degli ospedali. Se hai mai subito un intervento chirurgico, è possibile che ti sia stato somministrato uno di quei farmaci per farti perdere conoscenza o per mantenere i muscoli fermi.

Per le esecuzioni, i dosaggi dei farmaci vengono aumentati a livelli tossici.

È come andare in un negozio di ferramenta e comprare una pistola sparachiodi, che è per la costruzione, per poi usarla per uccidere qualcuno. Questa è una rappresentazione della pratica della medicina.
I principali consigli e associazioni che rappresentano i professionisti medici hanno messo in guardia medici, infermieri, paramedici e persino farmacie dalla partecipazione alle esecuzioni.
L’American Board of Anesthesiology è persino arrivato al punto di minacciare di ritirare la certificazione di qualsiasi membro che aiuta in un’esecuzione.

La logica, è semplice: questi farmaci e i professionisti medici che li somministrano hanno lo scopo di salvare la vita, non di farla finita.

Come funziona? Tre Farmaci.

1- Il barbiturico

Il pentobarbital barbiturico ad azione rapida è il primo farmaco nelle esecuzioni, ma anch’esso non è più disponibile dai produttori di farmaci, quindi stati come la Georgia devono farlo produrre dalle farmacie composte.
Ecco uno dei motivi per cui è stato scelto come sostituto. In una persona sana c’è un equilibrio tra i neurotrasmettitori, che aiutano i neuroni del cervello a comunicare chimicamente tra loro. Quella conversazione cellulare consente di camminare, parlare e funzionare normalmente. Un barbiturico come il pentobarbital li rallenta, dando al cervello il tempo di riposare e ripararsi.

Ma il pentobarbital da solo non è un antidolorifico. È importante ricordarlo quando si considera il secondo farmaco utilizzato nelle esecuzioni, il bromuro di pancuronio.

2-I paralizzanti

Quando sei in chirurgia, anche se sei sotto anestesia, i tuoi muscoli si muoveranno involontariamente. Quindi, i medici usano un paralitico per tenerti fermo. Il bromuro di pancuronio è stato usato da anni, anche se altri farmaci come questo sono usati più frequentemente ora. Bloccano i segnali nervosi che dicono ai muscoli di contrarsi.

In una sala operatoria, un medico ha l’attrezzatura e la formazione per assicurarsi che una persona sia alla giusta profondità di anestesia prima di somministrarle un paralitico. Se il paziente non lo è, c’è la possibilità di “consapevolezza intraoperatoria“. In sostanza, senti cosa sta succedendo ma non puoi dire una parola. Tutti i tuoi muscoli volontari dalle palpebre alle dita dei piedi sono congelati. Ma una delle ghiandole più piccole del corpo può segnalare angoscia. Un segno di essere sveglio ma paralizzato sono le lacrime. È una delle complicazioni più temute che un anestesista possa affrontare.

Per una persona che viene giustiziata, se un paralitico viene iniettato prima che il prigioniero sia incosciente, il dolore estremo è assicurato. L’alto dosaggio spegne i polmoni e il diaframma, ma non il cuore.

Per questo motivo questo passaggio nel protocollo dei tre farmaci è sempre stato il più controverso. Sembrava che violasse il divieto contro punizioni crudeli e insolite. Decenni dopo aver creato la procedura originale a tre farmaci, il dottor Jay Chapman, ex medico legale e medico dell’Oklahoma, ha dichiarato pubblicamente che il paralitico dovrebbe probabilmente essere eliminato.

3-Il sale

Diciamo che stai assumendo un diuretico perché hai la pressione alta e non dovresti avere molto sale. Con tutta l’urina che la pillola ti fa espellere, perdi potassio, che è vitale per una buona funzione di nervi, muscoli e cuore. Se i livelli di potassio diventano troppo bassi, puoi avere un infarto. Per riportare i livelli di potassio alla normalità, viene prescritto il cloruro di potassio.

Proprio come troppo poco potassio può influenzare il cuore, troppo può fermarlo. Ecco perché il cloruro di potassio è spesso il terzo composto in un’esecuzione a tre farmaci.

Se il potassio viene aumentato a un livello molto alto, può inibire la capacità dei muscoli di contrarsi. Mentre scorre attraverso il corpo di una persona, una dose letale di cloruro di potassio provocherebbe una sensazione di bruciore travolgente. Il dolore toracico accompagnatorio sarebbe atroce.

I farmaci che si usano sono stati modificati ma mirano a raggiungere lo stesso risultato: incoscienza, paralisi, arresto cardiaco.

Non importa se un a farmaco o a due farmaci o tre, fintanto che viene praticata l’iniezione letale, in particolare con farmaci non regolamentati a livello federale, il dibattito rimarrà se i farmaci destinati al trattamento debbano essere usati come veleno.

Nessuna azienda farmaceutica produce farmaci con un foglietto illustrativo che dice: ‘Lo scopo di questo farmaco è per l’esecuzione

chevron_left
chevron_right
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: