man sitting on rocky cliff with cloud formation above

Abbiamo ancora bisogno di un ufficio?

I rapporti di lavoro non riguardano solo l’azienda, ma le reti (network sociali) e l’apprendimento di come navigare in un’organizzazione, determinando dove si trova il vero potere dietro le gerarchie formali.

Tali questioni minacciano di acuire le tensioni generazionali visto che tantii giovani hanno limitato le loro vite per proteggere la salute delle generazioni più anziane.

Ciò contraddirebbe le caratterizzazioni pre-pandemia dei lavoratori più giovani che si aspettano flessibilità lavorativa, inclusa la libertà di lavorare fuori dall’ufficio. Cort Rudolph, assistente professore di psicologia industriale e organizzativa alla Saint Louis University, afferma: “Proprio come gli oroscopi, l’idea delle generazioni è una costruzione sociale”. Meglio, suggerisce, esaminare come cambiano le esigenze dei lavoratori man mano che invecchiano e si sviluppano professionalmente.

A volte è sembrato durante la pandemia che l’ufficio fosse investito di poteri magici, trasformato da una fabbrica di colletti bianchi alla risposta ad ogni problema lavorativo dall’apprendistato alla creatività.
È come se tutto quello che dovessimo fare fosse aprire le porte dell’ufficio e tutto sarebbe andato bene.

I giovani lavoratori devono andare in ufficio dai colleghi anziani con la parrucca nella speranza che le loro capacità vengano cancellate? Le persone si lamentavano anche della mancanza di feedback e di apprendimento sul lavoro prima della pandemia.

La mancanza di immaginazione è scoraggiante.
L’ufficio può essere un’oasi quando la casa è squallida e claustrofobica, ma quando apriranno scuole, bar e spazi di co-working, il mondo sarà diverso. Non c’è dubbio che l’ufficio continuerà a essere presente nel lavoro dei colletti bianchi, almeno part-time.

Ma la pandemia è un’opportunità per rivalutare la sua funzione e riesaminare i modelli di lavoro.

Un futuro ibrido significa fornire ai lavoratori le competenze per intraprendere una carriera che includa il lavoro a distanza.

L’idea che la vicinanza a colleghi esperti migliori le competenze dei lavoratori junior è stata cassata da un venticinquenne che lavora nei media.
Ha confessato che uno dei motivi per cui preferisce lavorare da casa è che non ha più a che fare con i compiti che i lavoratori anziani delegano ogni volta che passano davanti alla sua scrivania.
Il risultato?
Potrebbe andare avanti con il suo vero lavoro e imparare molto di più.

chevron_left
chevron_right
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: