high angle photo of robot
Photo by Alex Knight on Pexels.com

Niente Paura


Tanti lavori spariranno nei prossimi anni, non ci illudiamo la Pandemia ha cambiato le carte in tavola ai rendimenti di posizione.
La rivoluzione Digitale è Rivoluzione, con tutti gli aggettivi positivi e negativi che si porta dietro.
Lo dicono le multinazionali che studiano le abitudini delle popolazioni, lo dicono illustri ricerche (MIT, Lancet, ecc ).

Fare previsioni di tempi e modi è da Oracolo, o da Virostar

Alcuni cambiamenti si intravedono già ora, i nuovi bisogni della popolazione e le tecnologie che evolvono se stesse in maniera quasi autonoma.
I trasporti (macchine che si guidano da sole), logistica e Amministrazione Paperless sono solo alcuni esempi.

Ma
I lavori che si salveranno saranno quelli che richiedono capacità di problem solving, empatia, creatività, counseling.
Attività nelle quali l’ AI (intelligenza artificiale), non solo non riesce, ma non ha interesse a risolvere problemi; per questi lavori ci vorrà sempre la componente umana, sociale, fuzzy. Nessun computer quindi, ma donne e uomini per questi lavori.

In sanità certo i computer sono e saranno: eccellenti nelle diagnostiche, in sala operatoria arriveranno ad ammortizzare o sostituire le azioni del chirurgo, nella organizzazione e nel management i modelli di business e organizzazione si scaricano già dda internet, i template per i siti istituzionali idem (designersitalia.it); ma per i lavori ad alto tasso di variabilità?

Farete fare un vaccino da un robot, magari non a voi, ma a vostro figlio?
Vi farete tenere la testa da un braccio in plastica mentre vomitate?
Appunto, ci siamo risposti.

Sanitari niente paura, o quasi; anche la nostra professione è in continuo mutamento,
inesorabile, ineluttabile ed osteggiato.

Gli infermieri per riuscire a cavarsela avranno bisogno di ulteriori titoli e qualifiche, OGGI.
Quelle che lobby oscure, ma neanche tanto, vorrebbero negare.
L’imprevisto e l’ambiguità (due cose che i computer non sanno affrontare) non ci spaventano. Abbiamo talento nel reinventarci, nel cambiare setting più volte al giorno.

Siamo depositari di nuova pratica e conoscenza esclusiva, i Fuzzy behaviors .

O forse no:
https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0888613X00000566