orange and white fireworks display
Photo by energepic.com on Pexels.com

Faceboom!

Facebook spiega cosa è successo nel più lungo blackout della sua storia recente: "Stiamo lavorando per capirne di più" Photo by Tracy Le Blanc on Pexels.com Odino ha tuonato, e gli utenti dei social media di tutto il mondo hanno avuto un bel spavento lunedì quando Facebook è diventato completamente buio a causa di interruzioni tecniche interne.Questi blackout hanno incluso Instagram di proprietà di Facebook e l'app di messaggistica WhatsApp. Santosh Janardhan, VP of Engineering and Infrastructure di Facebook, ha scritto una dichiarazione sul sito Web della società lunedì sera tardi scusandosi con gli utenti e offrendo una spiegazione per le interruzioni diffuse. Le interruzioni hanno lasciato nel panico milioni di persone che si aggiornavano e controllavano costantemente le loro app e pagine per vedere…

Continua a leggereFaceboom!
teacher in yellow cardigan measuring temperature of a boy in face mask in the classroom
Photo by RODNAE Productions on Pexels.com

Quello che fa il virus è imprevedibile

Photo by cottonbro on Pexels.com Ritorno a scuola, ritorno al lavoro, ritorno alle riunioni al chiuso; per alcuni esperti, quello che sta arrivando è il terreno fertile ideale per far tornare anche una nuova ondata di covid. Ci sarà davvero una altra ondata? E se ci sarà, come sarà? Chi saranno i colpiti? Cosa può causarla e cosa può prevenirla? "Non possiamo escludere una sesta ondata, ma è probabile che non sarà di grande portata. Dipenderà dall'equilibrio che si verificherà tra nuove varianti, i progressi nella vaccinazione e il mantenimento di misure che prevengano le infezioni". Un equilibrio difficile e delle cui variabili controlliamo solo due: vaccini e misurazioni. Quello che fa il virus è imprevedibile.Daniel López Acuña, Epidemiologo -  Johns Hopkins Bloomberg School of…

Continua a leggereQuello che fa il virus è imprevedibile

l’infame storia della dell’accademia italiana nel fascismo

Su 1200 professori ordinari in cattedra sono in dodici a dire di no all'imposizione del giuramento di fedeltà al regime fascista. Ad essi bisogna aggiungerne altri due, decisi al rifiuto e tuttavia, in quell'autunno 1931 lontani dall'Italia: così la visibilità del loro gesto finisce con l'essere più sfumata. Dodici uomini, differenti per origine, carattere, modi di pensare, attitudini sociali e radicamento alla vita, che in quell'autunno salgono in cattedra per insegnare che dire di no è una scelta di veridicità dovuta prima di tutto a se stessi. Quei dodici perdettero la cattedra e la libertà personale, ma non quella del pensiero, della coscienza. E non la dignità. – Ernesto Bonaiuti, professore di cristianesimo all’Università di Roma, già allontanato dall’insegnamento prima del Concordato, a causa della scomunica…

Continua a leggerel’infame storia della dell’accademia italiana nel fascismo

Fine dei contenuti

Non ci sono più pagine da caricare