black laptop on the table

Social lending, il nuovo credito P2P

black laptop on the table
Photo by RODNAE Productions on Pexels.com

Social lending, il nuovo credito P2P

pensive black tourist providing hand for friend
Photo by Kamaji Ogino on Pexels.com

Il fintech fa la voce grossa grazie alla spinta innovativa che il settore finanziario sta affrontando, non senza barocche ritrosie. Accanto o in sostituzione delle modalità tradizionali come il prestito bancario, il finanziamento europeo, nazionale o regionale, esistono anche canali alternativi, diventati orma fondamentali per un sistema impresa che comincia a coglierne il valore e l’efficacia.
Il prestito sociale è solo una delle forme di finanziamento a disposizione delle PMI che necessitano di liquidità.

Il Social lending

Conosciuto anche come lending crowdfunding o P2P lending, questo canale di accesso al credito, rigorosamente online come molti di quelli offerti dal settore fintech, mette in contatto una persona o un’azienda in cerca di denaro con potenziali investitori, che possono essere cittadini, aziende o istituzioni, disposte a prestare denaro. La piattaforma di prestito sociale funge da intermediario tra queste due parti, unendo i loro interessi. Da un lato li mette in contatto tra loro e, dall’altro, si assume anche l’onere di verificare che chi chiede il denaro abbia garanzie e possa rimborsare il prestito e anche il dovere di verificare l’identità dei prestatori per assicurarsi che tutto sia in ordine.

A ben vedere questa forma di finanziamento, non è molto innovativa, perché le persone si sono sempre prestate soldi tra loro senza troppe procedure di controllo dei rischi e senza l’ausilio del web.
Con le piattaforme di social lending, invece, è possibile estendere questa logica di prestito tra privati e privati o aziende che non si conoscono. Per questo le regole devono essere chiare. Sono infatti dettate dalla Banca d’Italia, che definisce questo canale di accesso al credito nei seguenti termini: “Strumento attraverso il quale una pluralità di soggetti può richiedere, tramite piattaforme online, fondi rimborsabili ad una pluralità di potenziali finanziatori per uso personale o per finanziare un progetto”.

Oggi in Italia sono numerose le piattaforme di social lending che possono essere suddivise in due principali categorie, quelle focalizzate sui prestiti alle imprese e quelle dedicate ai prestiti personali.

I vantaggi del Social lending

Il principale vantaggio legato al prestito P2P è sicuramente la reattività di questo strumento che, in tempi record, consente a un’azienda o a un privato di raccogliere importanti quantità di capitale. Le procedure, tutte comodamente online, sono semplici e veloci garantendo la massima sicurezza, e questo significa molto per un’azienda che è vicina ad una crisi di liquidità o ha fretta di iniziare la propria attività. Ottenere il denaro di cui si ha bisogno in pochi giorni o talvolta anche in poche ore, e ad un tasso di interesse quasi sempre inferiore a quello delle banche o di altri strumenti tradizionali.
Ci sono vantaggi anche per i finanziatori, ovviamente, altrimenti il ​​sistema non reggerebbe. Chi decide di investire sulle piattaforme di social lending può farlo direttamente online in piena autonomia e senza troppe carte da firmare o analizzare, il tutto godendo di un ROI (Return of Investment) più elevato rispetto alle forme di investimento tradizionali.

Digitale, veloce ed equo.