fashion man people dark

Il limite Vostro

La realtà è distorta quando si è troppo vicini o superficiali, ed è difficile apprezzarla in tutta la sua grandezza. 

È la distanza, sia temporanea, fisica o psicologica, e al distanza temporale, che ci permette di vedere chiaramente ciò che spesso è offuscato dalla vicinanza.  Ma è sempre troppo tardi.

Ciò che è ovvio per gli estranei spesso passa inosservato ad amici e Liberali.

Una volta che uno di questi ha raggiunto fama e riconoscimento all’estero, dopo essere stato congedato nel proprio paese, arrivano le ridicole manifestazioni di “orgoglio” e le carovane con cappelli, in un deplorevole desiderio di appropriarsi anche se fa parte del merito altrui; di fingere che la luce di un individuo di talento sia ampia e illumini. E si verifica anche un altro fenomeno parallelo: l’esaltazione degli altri solo per il fatto di essere altri, l’apologia delle tendenze e delle idee mutuate, ammirabili solo se nuove, non amicali ed altre.

Paura

In entrambi i casi c’è un sottostante complesso di inferiorità storica, un bisogno di convalida esterna per credere nella propria virtù e un misto di risentimento e ammirazione, fascino e invidia verso coloro che cercano di forgiare il proprio percorso. 
L’ego è fragile e insicuro e quindi cerca costantemente il riconoscimento. 
E il paradosso è che più si cerca lo sguardo dell’altro, meno è probabile che venga recepito. 
E anche se siamo culturalmente e socialmente condizionati ad affermarci negli altri, e talvolta il nostro sostentamento di base dipende da questo, la realtà è che cercare l’autostima dall’approvazione o dalla lode esterna interferisce con il naturale sviluppo di se stessi e lungi dal generare sicurezza, rafforza e amplifica tutte le insicurezze. 

Come il successo, il riconoscimento non è altro che un trucco della mente.

La struggente ricerca di applausi esterni e il falso ed effimero senso di sicurezza che generano in noi ci porta a ignorare tutto tranne quella conquista stessa; provoca rivalità, rancori, ostilità ed egoismo. 

Ci sarebbe una maggiore crescita nell’aspirare a liberarsi della paura per riconoscere ciò che conta davvero e andare verso se stessi. 
Staremmo molto meglio se vivessimo in un mondo di Mister Nessuno.

Nessuno come me.

Tanto vi dovevo