Cosa ci dice la vendita di Wordle al NYT del mondo in cui viviamo?


È una delle storie del nostro tempo. Un giovane britannico che lavora a New York crea un piccolo puzzle carino per intrattenere la sua ragazza. Nel giro di poche settimane, il gioco diventa globale e lo vende al New York Times per un importo “a sette cifre”. 
Il gioco, ovviamente, è Wordle e il suo creatore è Josh Wardle. 

È un gioco intelligente.

Questa storia ha molti messaggi, eccone alcuni.

Il primo e più chiaro punto è che la storia parla del potere dei social media. Ciò che prima richiedeva mesi e anni accade in pochi secondi e minuti. 

In secondo luogo, la storia mostra l’importanza di fare soldi extra e le probabilità che ciò accada. Josh Wardle ha creato il gioco nel suo tempo libero.  Ancora una volta, questa idea è in circolazione da molti anni, ma la pura complessità dell’economia moderna ha generato più di queste opportunità.

L’esplosione dei social media ha creato un’enorme competizione per il tempo schermo (Effetto Tetris). Il tempo schermo deve competere con un video di YouTube, un messaggio WhatsApp di un amico, una clip di TikTok, un selfie, ecc. Un modo per guadagnare tempo schermoè creare un gioco a cui le persone vogliono giocare, e Wordle è l’esempio più recente.

Le grandi idee provengono da persone intelligenti, non da grandi aziende. Né Netflix né la Disney hanno creato questo gioco, o il New York Times. Il gioco non ha richiesto enormi investimenti, nemmeno alcun investimento. Serviva solo un genio naturale.

L’America rimane una terra di opportunità per gli immigrati. Ovviamente, Josh Wardle sarebbe emigrato altrove, perché le sue capacità di ingegnere del software erano richieste ovunque, ma, dopo essersi laureato alla Royal Holloway, parte dell’Università di Londra, ha scelto di conseguire un ulteriore titolo accademico negli Stati Uniti. Quindi chiedetevi, se fosse rimasto in Gran Bretagna, o si fosse trasferito a Berlino, o ovunque, avrebbe avuto maggiori probabilità di ottenere questo successo? 

Sulla base di questa osservazione, una delle maggiori attrazioni degli Stati Uniti, e questo vale anche per il Regno Unito, è l’attrattiva dell’istruzione superiore. 

Nella classifica Quacquarelli Symonds pubblicata il mese scorso, gli Stati Uniti avevano nove istituti di istruzione superiore tra i primi 20, mentre il Regno Unito ne aveva cinque. La Svizzera ne ha vinte due, Singapore due e la Cina due. Nessuna delle università dell’Unione europea si è classificata tra le prime 40 università del mondo.

L’intento non commerciale era chiaramente evidente nel creatore del gioco, poiché non cercava soldi e sceglieva di limitarsi a rilasciare un gioco al giorno. Ha spiegato: “Sono alquanto scettico su app e giochi che richiedono un’attenzione infinita . Ho lavorato nella Silicon Valley. Penso che le persone abbiano una propensione per le cose che si astengono in modo trasparente dal chiedere loro qualsiasi cosa. E penso che alla gente piaccia”

Questa storia di Wordle è una storia d’amore. 
Secondo il New York Times, Wardle ha creato questo gioco per il suo partner. 
Ci hanno giocato insieme per mesi. 
Poi i parenti se ne sono accorti.
E solo allora, lo scorso ottobre, lo ha rilasciato nel mondo.

Ora divertitevi