map showing european countries

It could happen at any time

Donbass in 3 photos #ukraine #donbass #war #summer

La Russia e la Bielorussia hanno lanciato giovedì esercitazioni militari congiunte , aumentando la tensione e facendo un passo avanti negli sforzi diplomatici dei leader della NATO per prevenire qualsiasi invasione dell’Ucraina. Le manovre, che dureranno fino al 20 febbraio, sono diventate l’ultimo punto di contesa tra Russia e Occidente sull’Ucraina, denunciata come mezzo di “pressione psicologica”.

Il ministro degli Esteri francese Jean-Yves Le Drian ha descritto le manovre come un segno di “estrema violenza”, mentre il ministro degli Esteri britannico  Lise Tracey ha usato la sua visita a Mosca per accusarla di cercare di “minare la sovranità dell’Ucraina”.

A sua volta, il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha ritenuto che lo spiegamento delle forze russe in Bielorussia nell’ambito delle manovre rappresenti un “momento pericoloso” per la sicurezza dell’Europa.

I leader occidentali avvertono da settimane che la Russia si sta preparando a intensificare il conflitto separatista di otto anni nell’Ucraina orientale dopo aver ammassato circa 100.000 soldati intorno all’ex stato sovietico.

Giovedì, il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha avvertito che la Russia non dovrebbe sottovalutare “l’unità” e la “solidarietà” degli europei, pur continuando intensi sforzi diplomatici per contenere la crisi ucraina.

“In questa delicata situazione per tutti noi, la Russia non dovrebbe sottovalutare l’importanza della nostra unità e determinazione come partner all’interno dell’Unione Europea e come alleati nella NATO”, ha affermato Schultz dopo le consultazioni con i leader dei tre Stati baltici a Berlino, sottolineando che lo prende “molto sul serio”, con la preoccupazione mostrata dai tre paesi.

la Russia ha inviato 30.000 soldati in Bielorussia, che confina anche con l’Ucraina

Le colonne che trasportavano i sistemi di difesa russi si sono mosse in coda attraverso i campi innevati alla vigilia dell’inizio delle manovre che si affacciano sul Mar Nero e sul vicino Mar d’Azov. 

Mosca e Minsk non hanno rivelato il numero di soldati che hanno partecipato alle esercitazioni militari in Bielorussia. “Le esercitazioni si stanno svolgendo con l’obiettivo di prepararsi a fermare e respingere un attacco esterno nell’ambito di un’operazione difensiva”, ha affermato in una nota il ministero della Difesa russo.

Nel tentativo di “ridurre le possibilità di errori di calcolo” durante le esercitazioni, i capi di stato maggiore degli Stati Uniti e della Bielorussia hanno avuto rare conversazioni telefoniche, ha detto giovedì il Pentagono.

In risposta alle preoccupazioni occidentali, il Cremlino ha sottolineato che i soldati russi in Bielorussia sarebbero tornati al termine delle esercitazioni. Ma il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha visto che “l’accumulo di truppe al confine rappresenta un mezzo di pressione psicologica da parte dei nostri vicini”.

D’altra parte, l’Ucraina ha avviato esercitazioni militari, ma non molte dichiarazioni sono state rilasciate da funzionari militari a Kiev al riguardo per paura di aumentare il livello di tensione.