war museum perspective army

La guerra lampo e’ fallita

Intellligenge report da un ufficiale ucraino su un incontro nella tana di Putin negli Urali

snow covered trees
Photo by Lesya Kikh on Pexels.com

Gli oligarchi si sono riuniti lì in modo che nessuno fuggisse. Putin è furioso, pensava che l’intera guerra sarebbe stata facile e tutto sarebbe stato fatto in 1/4 giorni.

I russi non hanno un piano strategico.
La guerra costa circa 20 miliardi di dollari al giorno. Ci sono razzi per 3-4 giorni al massimo, li usano con parsimonia. Mancano di armi, gli stabilimenti di Tula e Rotenberg non possono soddisfare fisicamente gli ordini per le armi. Fucili e munizioni sono il massimo che possono usare.

Le prossime armi possono essere prodotte in 3-4 mesi, non prima.
Non hanno materie prime.
Ciò che in precedenza veniva fornito principalmente da Slovenia, Finlandia e Germania è ora svanito.

Se l’Ucraina riesce a resistere per 10 giorni, allora i russi dovranno avviare negoziati. Perché non hanno soldi, armi o risorse.

Le Forze speciali sono state vicine a Kiev dal 18 febbraio. L’obiettivo era prendere Kiev e instaurare un regime fantoccio. Stanno preparando provocazioni contro civili innocenti, donne e bambini, per seminare il panico.

L’intero piano della Russia si basa sul panico: i civili e le forze armate si arrendono e Zelensky fugge. Si aspettano che Kharkiv si arrenda prima in modo che le altre città seguano l’esempio per evitare spargimenti di sangue. I russi sono sconvolti dalla feroce resistenza che hanno incontrato.

Gli ucraini devono evitare il panico! Gli attacchi missilistici sono per intimidazione, i russi li lanciano a caso per colpire “accidentalmente” edifici residenziali per far sembrare l’attacco più grande di quanto non sia in realtà.
L’Ucraina deve restare forte e noi dobbiamo fornire assistenza, e’ un obbligo morale!