girls with signs on protest against russian war on ukraine

Dove si fermerà Putin?

policeman walking near tanks
Photo by Kris Møklebust on Pexels.com

L’anima rugosa della Russia oggi ha nel regime di #Putin una triste prova del peggio della sua tradizione politica. 

Uno scenario di cartapesta con un megalomane che pretende di rappresentare tutte le Russie: violenza e paura dell’imprevedibilità dello zar. 
Vladimir Putin sta riscrivendo la storia con una logica archetipica sovietica che lo collega al suo passato più sinistro. 

Massacri, carestie indotte, annessioni di territori ed esilio politico segnano il passato e il presente dell’Ucraina. 
Il presidente russo si è nutrito dello scioglimento del conflitto in #Cecenia, #Georgia o #Crimea, e oggi intende invertire l’indipendenza dell’Ucraina, raggiunta con lo scioglimento dell’URSS nel 1991, ma sempre lottando per essere una democrazia sovrana e autonoma rispetto al grinfie di Mosca. 

Un ex corrispondente in Russia ha detto che con Putin ” La domanda, data questa rapida e implacabile invasione, è fino a che punto intende spingersi il presidente russo”. 
E l’Occidente, fino a che punto lo lascerà andare? L’Unione Europea e la #NATO non interverranno al di fuori del loro territorio, ma guarderanno impassibili la lenta e sicura appropriazione di un Paese e l’imposizione a coloro che sono suoi vicini? 

Il crollo morale è vicino a noi e non possiamo dire di non conoscere la storia, ad esempio, della Cecoslovacchia (1938), della Polonia (1945) e dell’Ungheria (1956). 

La domanda, data questa rapida e implacabile invasione, è fino a che punto intende spingersi il presidente russo.?
E l’Occidente, fino a che punto lo lascerà andare? 
L’Unione Europea e la NATO non interverranno al di fuori del loro territorio, ma guarderanno impassibili la lenta e sicura appropriazione di un Paese e l’imposizione a coloro che sono suoi vicini? 
Il crollo morale è vicino a noi e non possiamo dire di non conoscere la storia, ad esempio, della Cecoslovacchia (1938), della Polonia (1945) e dell’Ungheria (1956). Ma guarderanno impassibili la lenta e sicura appropriazione di un Paese e l’imposizione a coloro che sono loro vicini? 

Ma guarderanno impassibili la lenta e sicura appropriazione di un Paese e l’imposizione a coloro che sono loro vicini? 

Il crollo morale è vicino a noi e non possiamo dire di non conoscere la storia.

a kid protesting against the war in ukraine
Photo by Matti on Pexels.com