after the explosion in kyiv

BOMBE TERMOBARICHE

person in brown jacket painting on white paper
Photo by Tima Miroshnichenko on Pexels.com

Si tratta di un’arma di distruzione di massa e il suo utilizzo è proibito dalla Convenzione di Ginevra data la sua grande potenza devastante. Si tratta di bombe termobariche o sottovuoto, dette anche ‘il padre di tutte le bombe’ e che, secondo le autorità ucraine , la Russia sta utilizzando per attaccare il proprio territorio. 

La Russia ha iniziato un’invasione dell’Ucraina il 24 febbraio, provocando centinaia di morti, oltre all’esodo di 422.000 ucraini, che si sono recati principalmente in Polonia, e lo sfollamento di altri 100.000 all’interno del paese, secondo l’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR ).

Milioni di persone, che non hanno potuto partire, si sono rifugiate nei bunker, per i quali l’ambasciatore ucraino a Washington, Oksana Markarova, ha indicato che le forze russe stanno usando quest’arma di distruzione di massa per raggiungere questi siti, ma non ha specificato dove sono stati scaricati.

COSA SONO LE BOMBE TERMOBARICHE O A VUOTO?

Le bombe termobariche utilizzano il calore (termo) e la pressione (barico) per ottenere un elevato potere distruttivo. Chiamate anche bombe a vuoto o bombe a combustibile, sono costituite da due cariche esplosive: un esplosivo termobarico (TBX) costituito da una carica centrale, chiamata nucleo, che di solito è un alto esplosivo, e una carica secondaria esterna ricca di carburante.

COME FUNZIONANO?

Ha due cariche esplosive separate. Viene prima lanciato un proiettile, contenente un combustibile sotto forma di gas, liquido (aerosol) o polvere. Dopo la detonazione, questo carburante si disperde nell’aria e forma una nuvola che si mescola con l’ossigeno e lo consuma, creando una sorta di vuoto. La sovrappressione esercitata all’interno dell’esplosione può raggiungere i tre megapascal.

Successivamente, questa nuvola viene fatta esplodere con la seconda carica, che provoca un’esplosione ad alta temperatura (fino a 3.000 gradi Celsius), caratterizzata da una durata prolungata che produce una sovrappressione che si espande in tutte le direzioni.

A differenza degli esplosivi convenzionali, utilizza la reazione esplosiva al diossigeno nell’aria come ossidante, invece di caricarlo nell’ordigno esplosivo stesso.

QUALI DANNI PROVOCANO?

Gli effetti sulle persone esposte a questa bomba di distruzione di massa sono terribili, perché la nuvola gassosa che si forma, prima, può filtrare ovunque, come edifici, trincee e bunker, e poi arriva il secondo esplosivo, che accende la nuvola e provoca un esplosione massiccia e di lunga durata. 
Questi sono gli effetti:

  • Le persone all’interno della nuvola di aerosol moriranno a causa della temperatura o della sovrappressione.
  • L’esplosione infuocata può uccidere e mutilare, rendendo inutili giubbotti antiproiettile o coperture rigide.
  • La pressione generata dalla nuvola, in assenza di ossigeno, può fratturare ossa, lussare gli occhi, causare emorragie interne e lacerare timpani, intestini e altri organi interni.
  • Può causare cecità, sordità, peritonite.
  • Può aspirare ossigeno dai polmoni, facendoli collassare, soffocando a morte le sue vittime.