Tank in the road!

T-90 russo o T-84 ucraino: chi vince la battaglia corazzata?

  • di
  • Pubblicato
  • Pubblicato in Science / Territories
  • Aggiornato
  • 5 minuti di lettura

T-90 russo o T-84 ucraino: chi vince la battaglia corazzata?

Il principale carro armato russo T-90 è fondamentalmente un aggiornamento rispetto al carro T-72, il suo nome era originariamente T-72BU ed è entrato in servizio nel 1992. Ma dopo la sconfitta dei carri armati T-72 iracheni contro i carri armati americani Abrams durante la Guerra del Golfo Persico, la Russia ha cambiato il suo nome in T-90. 

In Ucraina esiste il carro T-84, che si basa sul carro T-80. Il T-84 è chiamato Aplot M nel modello base e nella versione aggiornata.

Per confrontare il T-90 con il T-84, esaminiamo prima il loro peso e le dimensioni. 

Il corpo del carro armato russo è lungo 6,86 metri, 9,63 metri in base alla lunghezza del cannone. La larghezza e l’altezza del carro e’ rispettivamente di 3,78 e 2,22 metri. Il peso del carro varia tra 45 e 48 tonnellate a seconda del modello e della quantità di equipaggiamento e armatura aggiuntiva che è installata su di esso. 

Per quanto riguarda il carro ucraino, è lungo 7.075 metri, il che aumenta il suo cannone a 9,72 metri. La sua larghezza è 3.775 e la sua altezza è di 2,8 metri. Anche il peso varia da 46 a 51 tonnellate, a seconda dell’attrezzatura.

A differenza del T-90, non esiste una stima dell’armatura del carro armato ucraino. Ma a causa del peso maggiore e del fatto che è il risultato dell’aggiornamento del T-80UD, si può dire che ha un’armatura più potente. I due paesi stanno equipaggiando i loro carri armati con un’armatura a reazione esplosiva chiamata ERA. Questa armatura esplode dopo essere stata colpita da un proiettile o da un missile, riducendo così l’intensità energetica del proiettile attaccante per causare meno danni al carro armato. Il carro armato russo è equipaggiato con l’armatura Contact 5 e il carro ucraino con l’armatura reattiva Nozh 2, anche qui l’armatura ucraina è più efficace dell’armatura russa.

Il carro ucraino ha anche un sistema di difesa attivo, nonostante abbia un’armatura primaria e secondaria più forte e resistente (reazione). Mentre il carro armato russo ne è privo.
Questo perché il T-90 è progettato per scegliere tra un’armatura reattiva o un sistema di difesa attivo, mentre il carro ucraino può gestire entrambi contemporaneamente. Il sistema di difesa attivo rileva il proiettile attaccante con il proprio radar, come un missile anticarro, e spara contro di esso un proiettile intercettore, distruggendo il bersaglio attaccante in modo difficile in modo che non raggiunga il carro armato e causi danni.

Il sistema di difesa attiva Zaslon T-84 è in grado di ingaggiare missili, razzi, proiettili di artiglieria, granate e proiettili a energia cinetica a velocità ultrasonica. È anche in grado di prendere di mira le munizioni d’attacco dall’alto. Il sistema ha un tempo di reazione di 0,001 secondi e fornisce una copertura universale a 360 gradi per il carro. Ciò significa che il sistema è in grado di combattere il proiettile d’attacco da qualsiasi lato. Dopo aver sparato il suo proiettile intercettore, il sistema carica automaticamente un altro proiettile per contrastare il missile successivo. Questo sistema è una delle carte vincenti del carro armato ucraino.

Entrambi i carri armati sono inoltre dotati di un sistema di difesa morbida che cerca di fuorviare e deviare il missile interrompendo il suo sistema di guida. Nel T-90, questa è la responsabilità del sistema Shtura, che devia i missili guidati semiautomatici nel campo visivo, come il Cornet o il Tau. Il carro armato ucraino ha anche il sistema Varta, che ha una funzione simile allo Shtura. Il sistema di difesa morbida di entrambi i carri armati rilascia automaticamente anche granate fumogene per nascondere il carro armato quando viene rilevato il pericolo.

Entrambi i carri armati hanno 3 equipaggi, incluso l’autista, il comandante e l’artigliere.

Il carro armato russo ha un sistema di sparo a carosello che tiene le munizioni pronte per il caricamento attorno alla torretta, in questo modo anche con la minima penetrazione di schegge anticarro nella torretta, le munizioni pronte per il caricamento esplodono e anche se la penetrazione iniziale è debole, la carica si intensifica, provoca il distacco della torretta dallo scafo e la morte dell’equipaggio all’interno del carro armato.

Questo sistema è il più grande punto debole dei carri armati russi, che può essere visto anche nel suo modello più avanzato, il T-14 Armata. Un altro problema con questo sistema è che deve essere ad una certa angolazione per caricare automaticamente il proiettile. Sebbene il T90 abbia il sistema automatico, la sua cadenza di fuoco è di 8 colpi al minuto. Mentre il carro americano Abrams spara 13 colpi al minuto con tiro manuale. Il T-90 trasporta fino a 43 munizioni, 22 delle quali sono pronte a sparare all’interno del proiettile.

Ma il lanciatore automatico del carro armato ucraino è del tipo a catena, che è molto più sicuro del tipo a carosello, e contiene le munizioni all’interno del corpo, che ha un’armatura più forte. Nel frattempo, gli ucraini hanno rafforzato l’armatura della torretta per fornire maggiore protezione ad alcuni componenti del sistema. Il serbatoio ha 46 colpi di munizioni, 28 dei quali sono nel lanciatore automatico. 

Questo sistema non ha un angolo di limitazione del carico e consente al carro armato di sparare 10 proiettili al minuto. In termini di numero di munizioni portatili, metodo di sparo e sicurezza, nonché velocità di fuoco, il carro armato ucraino è di nuovo in vantaggio.


Rispetto al carro armato russo T-90 e al T-84 ucraino, Kiev ha un mostro d’acciaio molto migliore, ma la quantità è a favore dei russi, con 500 esemplari.

l’Ucraina ha altri carri armati, come 340 carri armati T-80, oltre a 300 T-72 e quasi 2.000 T-62. Ma il fiore in cima al loro cesto è il T-84.

Speriamo che una guerra del genere non continui a lungo e che non vengano più uccise vite innocenti. 
I due paesi stanno combattendo indirettamente e per procura nell’Ucraina orientale dal 2014 e finora quasi 10.000 persone hanno perso la vita.