Southeastern Europe, Italy and into the Mediterranean Sea

L’UE ha preparato una decisione “positiva” e “negativa” sullo status di candidato per l’Ucraina

L’UE ha preparato una decisione “positiva” e “negativa” sullo status di candidato per l’Ucraina

L’Unione europea sta valutando due opzioni per la situazione con la concessione dello status di candidato all’Ucraina.

Il piano A prevede che la Commissione europea concluda che l’Ucraina soddisfa i criteri e l’UE riconosce ora il suo status di candidato
Tutti i prossimi passi successivi, come l’avvio dei negoziati, saranno condizionati dalle riforme.

Il Piano B, promosso da diverse capitali, prevede che le condizioni saranno stabilite ora e, fino a quando non saranno attuate, l’Ucraina non sarà candidato.

L’elenco delle condizioni si propone di essere scritto nelle conclusioni della Commissione Europea, in modo che non sembri un’idea degli Stati membri, ma della stessa UNIONE.

Al vertice di giugno, l’Ucraina verrà informata che sta solo diventando un “potenziale candidato” e riceverà anche una prospettiva di adesione legalmente riconosciuta, che non è stata ancora formalmente registrata in alcun documento.

Alcuni funzionari della Commissione europea e alcuni Stati membri ritengono che il Piano B non sarà un “tradimento”. 
Quindi, un certo numero di media ieri sera ha diffuso il messaggio di Bloomberg con il titolo “L’Ucraina potrebbe avere il sostegno iniziale dell’UE per il percorso verso l’adesione”.

“Ma questa ‘vittoria’, secondo una fonte nell’Ue che ha parlato ai giornalisti, sarebbe una sconfitta per Kiev.”, si legge nell’articolo .

Secondo European Truth, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen visiterà l’Ucraina nei prossimi giorni. 

Lo scopo della sua visita è spiegare personalmente a Zelensky lo stato delle cose e suggerire come Kiev possa impedire una decisione negativa del vertice.

Si ricorderà che un certo numero di paesi europei  non è pronto a sostenere incondizionatamente la concessione all’Ucraina  dello status di candidato all’adesione all’UE al vertice del Consiglio europeo di fine giugno.