war museum perspective army

Quali armi forniscono gli alleati dell’Ucraina

war museum perspective army
Photo by Skitterphoto on Pexels.com

Quali armi forniscono gli alleati dell’Ucraina

quando le forze armate saranno pronte per una controffensiva?

Uno dei fattori decisivi che contribuiscono alla lotta dell’Ucraina contro l’aggressione russa è la fornitura di partner occidentali ai bisogni delle forze armate attraverso la fornitura di armi efficaci e equipaggiamento militare (armi), munizioni, dispositivi di protezione individuale, medicinali, cibo, ecc. 

L’Ucraina riceve tutto questo sotto forma di aiuti gratuiti o acquista tutto ciò di cui ha bisogno all’estero.

Cosa danno?

Il corso della guerra potrebbe essere influenzato in modo significativo dall’equipaggiamento su larga scala delle forze armate con artiglieria a reazione a lungo raggio. Ad esempio, le Forze armate potrebbero così tagliare le truppe dell’aggressore sulla riva destra del Dnepr e liberare Kherson, cambiando radicalmente la situazione nel sud a nostro favore. 

Ma per quanto riguarda i rifornimenti di artiglieria?

In particolare, nel segmento dell’artiglieria:

la Repubblica Ceca ha trasferito le unità di artiglieria semovente da 152 mm (ACS) ShKH vz. 77 DANA (20) e un numero indefinito di MLRS,
Polonia – MLRS BM-21,122-mm ACS 2C1 “Carnation” (20),
Estonia – obici D-30,
USA, Australia e Canada – obici da 155 mm M777 (oltre 100 ),
Italia-obici FH70 (numero sconosciuto),
Francia – ACS Caesar (6),
Norvegia – 155 mm ACS M109A3 (22),
Polonia – 155 mm ACS Crab su telaio cingolato (18 + 60 ordinati).

La Slovacchia dovrebbe anche consegnare lo Zuzana 2 da 155 mm su telaio a ruote (8), così come il Pzh 2000 da 155 mm in Germania (7) e Paesi Bassi (5). In totale, ci sono 66 obici semoventi e 115 trainati da 155 mm di vario tipo: un set di quasi quattro brigate di artiglieria, insieme a munizioni e pezzi di ricambio.

Inoltre, il 12 giugno, il comandante in capo delle forze armate ucraine, il generale Valery Zaluzhny, ha chiesto al presidente dei capi di stato maggiore congiunti, il generale Mark Millie, assistenza nell’ottenere ulteriori sistemi di artiglieria da 155 mm in un poco tempo.

Gli elenchi di rifornimenti del Pentagono per le forze armate includono anche 200.000 proiettili da 155 mm, 120.000 dei quali sono già stati consegnati all’Ucraina. Va aggiunto che oltre agli Stati Uniti, anche altri alleati sono coinvolti nella fornitura di proiettili, il che ci consente di valutare con ottimismo le prospettive di fornire alle Forze armate proiettili da 155 mm.

Un’altra importante area di rafforzamento dell’artiglieria delle forze armate può essere considerata come ricevere MLRS di fabbricazione occidentale, che sostituirebbe le esistenti controparti post-sovietiche. 
Sfortunatamente, le consegne attualmente pianificate (USA – 4-6 unità, Regno Unito – 3 e Germania – 4) MLRS saranno chiaramente insufficienti. Il “Guardian” con riferimento al consigliere del capo dell’Ufficio del Presidente Alexei Arestovich scrive che l’Ucraina ha bisogno di 60 MLRS mobili HIMARS e MLRS. Tra gli esperti ucraini, si può anche ascoltare l’opinione sulla necessità di 150-300 installazioni.

Va anche menzionato che le forze armate continuano a utilizzare una serie di trofei di artiglieria post-sovietici e russi al fronte, ma ci sono problemi con le munizioni. Si tratta di 44 ACS e 45 sistemi di artiglieria da rimorchio, 25 MLRS di vario tipo, 8 SAM mobili, ecc.

Per quanto riguarda i veicoli corazzati, finora solo due paesi ci hanno fornito carri armati: Polonia – T-72M1 (240 unità) e Repubblica Ceca – carri armati T-72M1 (diverse dozzine). Anche Slovacchia, Slovenia e Romania hanno deciso di consegnare i carri armati e potrebbero farlo nel prossimo futuro.

Altre consegne, veicoli blindati leggeri da diversi paesi:
USA – veicoli corazzati cingolati M113 (200),
Danimarca – veicoli corazzati M113 (50),
Polonia – BMP-1 (diverse dozzine di auto),
Repubblica Ceca – 50 Pbv 501A (BMP -1, 56),
Australia – BMP Bushmaster (20),
USA – veicoli corazzati M1114 HMMWV Humvee (fino a 100),
Regno Unito – veicoli corazzati Mastiff, Wolfhound e Husky (80),
Canada – veicoli corazzati Roshel Senator (8) ,
Spagna – veicoli blindati URO VAMTAC (numero sconosciuto) ,
Gran Bretagna – veicoli corazzati cingolati FV103 Spartan (35),
Danimarca – veicoli corazzati da trasporto truppe su ruote Piranha III (25).

Vale la pena ricordare la fornitura di veicoli senza pilota. 
In particolare, gli Stati Uniti forniscono all’Ucraina munizioni di sbarramento Phoenix Ghost (121), Switchblade (700), ricognizione tattica senza pilota RQ-20 Puma (numero sconosciuto),
Danimarca – drone da ricognizione Heidrun (25 unità) e Turchia – drone da ricognizione TB Bayra numero sconosciuto). Inoltre, ha annunciato l’adozione dei droni TV2 con una nuova bomba di pianificazione delle munizioni in miniatura con un laser a guida laser Bozok con una testata di tipo penetrante. Potrebbero anche essere consegnati presto in Ucraina.

Cos’altro manca nelle Forze Armate?

Dati i continui attacchi missilistici dell’aggressore su infrastrutture critiche in tutta l’Ucraina, c’è un grande bisogno di una difesa aerea di alta qualità. Prima di tutto, abbiamo bisogno di apparecchiature di difesa aerea a medio e lungo raggio per proteggerci dai missili da crociera lanciati dal nemico da lunghe distanze dall’esterno dell’Ucraina. Stiamo parlando dell’American Patriot SAM o del NASAMS americano-norvegese.

Sono necessari anche aerei moderni, poiché la flotta aerea delle forze armate ucraine è obsoleta da tempo e non soddisfa le attuali esigenze del moderno campo di battaglia. Sebbene sia stato rifornito a maggio con aerei MiG-29 e Su-25, nonché elicotteri Mi-8 / Mi-17 ricevuti dai partner, ciò non è sufficiente. 

La realtà è che la nostra forza aerea deve essere riequipaggiata con velivoli F-16 di quarta generazione e persino F-15 di fabbricazione occidentale, disponibili negli Stati Uniti e in altri paesi che passano a F-35 multiruolo di quinta generazione aereo.

L'F-16 è una delle opzioni più vantaggiose per rafforzare le forze armate
L’F-16 è una delle opzioni più vantaggiose per rafforzare le forze armate

Insieme a questo, è necessario sviluppare strutture EW che dovrebbero garantire le azioni dei propri aerei e sopprimere le difese aeree nemiche, e così via. Le forze armate hanno bisogno anche di missili balistici con una portata fino a 300 km, ovvero sarà necessario tornare sulla questione del trasferimento a noi dagli Stati Uniti di tali unità da utilizzare dai lanciatori HIMARS, che dovrebbero essere consegnati a breve .

Volley da M142 HIMARS, foto - US Army
Volley da M142 HIMARS, foto – US Army

Allo stesso tempo, bisogna continuare lo sviluppo di OTRZ multiuso (armi operative e tattiche) “Peregrine” / “Thunder-2” (possibilmente con la partecipazione di un partner straniero) con una portata di oltre 300 km, il cui progetto è quasi pronto e consente la produzione in serie. 

Questo probabilmente risponderà a molte domande sulla capacità di attaccare target importanti nella parte posteriore profonda del nemico, se necessario.