map showing european countries

Il corridoio di Suwalki diventa bersaglio dell’aggressione russa, la milizia lituana insorge

map showing european countries
Photo by Anthony Beck on Pexels.com

Il corridoio di Suwalki diventa bersaglio dell’aggressione russa, la milizia lituana insorge

La Russia ha invaso l’Ucraina e tutti i paesi vicini erano in pericolo. Il corridoio di Suwaki si trova all’incrocio tra Lituania, Polonia, Bielorussia e l’enclave russa, l’armata nucleare “Kaliningrad “. L’unica via terrestre della NATO che collega i tre piccoli paesi baltici è diventata anche il “tallone d’Achille” della NATO.

Di recente, la Lituania ha imposto un embargo a Kaliningrad, bloccando il trasporto merci su rotaia e su strada tra la Russia e Kaliningrad. La Russia ha a lungo desiderato il Suwalki Gap e questa mossa ha senza dubbio aggiunto benzina sul fuoco. Di fronte alla crisi imminente, i residenti lituani che vivono nel corridoio di Suwaki si sono arruolati per unirsi alle milizie di confine.

Vytas Grudzinskas, un residente lituano di 59 anni che vive a Kybartai, in Lituania, ha detto alla Galileus Web che c’è un poligono di tiro vicino a casa sua e che il suono degli spari russi è all’ordine del giorno. Nel 2014, quando la Russia ha annesso la regione della Crimea, Gruzinskas ha scelto di unirsi alla secolare milizia di volontari lituani, i Rifles, per difendere la patria.

La storia e la geografia hanno stabilito che i lituani dovrebbero insorgere contro la Russia. Durante il periodo sovietico, 30.000 prigionieri in Lituania morirono nei campi di lavoro russi a causa delle cattive condizioni di vita. Anche il padre di Gruzinskård fu mandato in una terra povera, dove rimase per 15 anni, e il primo anno riuscì a nutrirsi solo di erba.

Da quando la Russia ha invaso l’Ucraina, il numero dei fucilieri è cresciuto fino a 12.000 e il numero mensile dei membri è aumentato di 10 volte È ovvio che i lituani hanno chiaramente sentito la minaccia dalla Russia.

Il rapporto ha sottolineato che se l’Ucraina cade, la Russia interromperà i legami della NATO con i tre piccoli paesi baltici, la prima linea di difesa di Ning.

Gruzinskas ha detto che ovviamente aveva paura della guerra, ma la sua famiglia e la casa che aveva costruito erano qui, sottolineando che, dato il passato, “come puoi fidarti della Russia?”

Un vertice a Madrid questa settimana annuncerà anche migliaia di truppe aggiuntive per difendere la regione baltica. Sebbene il viceministro della Difesa lituano Margiris Abukevicius abbia sottolineato che ci vorranno due anni prima che le truppe siano in posizione, significa che la necessità di potenziare le capacità militari del corridoio di Suwaki ha ricevuto attenzione.

Abukevicius ritiene che il vertice della NATO dovrebbe anche dare più risposte e indicazioni chiare alla regione.