exterior of contemporary building with glass details against cloudy sky
Photo by Roman Skrypnyk on Pexels.com

Decostruttivismo, perché no?

Photo by Enric Cruz López on Pexels.com Decostruttivismo, si traduce letteralmente con la distruzione o la demolizione di una struttura costruita, sia per ragioni strutturali che semplicemente per un atto di ribellione. Forse è per questo motivo che molti fraintendono il movimento decostruttivista. Il decostruttivismo non è, infatti, un nuovo stile architettonico, né un movimento d'avanguardia contro l'architettura o la società. Non segue "regole" né acquisisce un'estetica specifica, né è una ribellione contro un dilemma sociale. È il rilascio di infinite possibilità per giocare con forme e volumi. Durante la prima guerra mondiale, le avanguardie russe, conosciute come i costruttivisti russi, infransero le regole dell'architettura classica e della sua composizione e presentarono una serie di disegni che sfidavano le "norme geometriche" dell'epoca. Il suo punto…

Continua a leggereDecostruttivismo, perché no?
city people bridge train
Photo by Sinitta Leunen on Pexels.com

Zaha Hadid

Photo by Sinitta Leunen on Pexels.com Zaha Hadid non è stata solo la prima donna a vincere un Premio Pritzker. Ha cambiato per sempre il mondo dell'architettura. Qui rendiamo omaggio alla sua grande eredità. Nel 2004, l'anglo-irachena Zaha Hadid è stata la prima donna a ricevere una delle più alte onorificenze al mondo in architettura. Thomas Pritzker, presidente dell'American Hyatt Foundation, ha espresso con un plauso quanto sia stato gratificante e onorevole per il mondo che Hadid ha fatto la storia.  Zaha Hadid ha trascorso gran parte della sua vita tra Beirut e Londra, dove ha svolto tutti i suoi studi di architettura, design e ha fondato il suo studio. È stata allieva dell'enigmatico architetto olandese Rem Koolhaas e anche partner del principale studio internazionale dedicato all'architettura contemporanea, all'urbanistica…

Continua a leggereZaha Hadid
concerned black businessman in city
Photo by Nicola Barts on Pexels.com

La Grande rassegnazione

E' il fallimento del liberismo selvaggio degli uomini di Friedman Photo by Andrea Piacquadio on Pexels.com In diversi Paesi si sta verificando un fenomeno socio-economico insolito, che affonda le sue radici nella pandemia o quantomeno la pandemia ne è stato l'innesco Ci sono dati indiscutibili: solo negli Stati Uniti, durante lo scorso agosto, più di 4,3 milioni di persone hanno lasciato volontariamente il lavoro, una cifra che stabilisce un nuovo record. Che porta a più di 10,3 milioni di posti di lavoro vacanti nel paese oggi. Circa 4 milioni di persone al mese hanno lasciato il lavoro dalla fine del primo trimestre del 2021, come parte di una tendenza che è diventata nota come "Grande rassegnazione". Gli stipendi stanno aumentando rapidamente ma le aziende fanno…

Continua a leggereLa Grande rassegnazione
orange and white fireworks display
Photo by energepic.com on Pexels.com

Faceboom!

Facebook spiega cosa è successo nel più lungo blackout della sua storia recente: "Stiamo lavorando per capirne di più" Photo by Tracy Le Blanc on Pexels.com Odino ha tuonato, e gli utenti dei social media di tutto il mondo hanno avuto un bel spavento lunedì quando Facebook è diventato completamente buio a causa di interruzioni tecniche interne.Questi blackout hanno incluso Instagram di proprietà di Facebook e l'app di messaggistica WhatsApp. Santosh Janardhan, VP of Engineering and Infrastructure di Facebook, ha scritto una dichiarazione sul sito Web della società lunedì sera tardi scusandosi con gli utenti e offrendo una spiegazione per le interruzioni diffuse. Le interruzioni hanno lasciato nel panico milioni di persone che si aggiornavano e controllavano costantemente le loro app e pagine per vedere…

Continua a leggereFaceboom!
man people art dark
Photo by Matheus Albuquerque on Pexels.com

Dovremmo usare la regola 80/20 per affrontare i novax

Photo by Markus Spiske on Pexels.com La regola 80/20 o Principio di Pareto ci dice che l'80% dei risultati deriva dal 20% delle cause. Il rapporto non deve essere preso alla lettera, ma come un'indicazione che una piccola minoranza di cause spiega la stragrande maggioranza dei risultati, buoni o cattivi che siano. Quando si tratta di possibili rimedi per la pandemia si dovrebbe applicare la logica 80:20 nel tentativo di mitigare i problemi. Nel XIX secolo, l'ingegnere ed economista italiano Wilfried Fritz Pareto osservò che il 20% degli italiani deteneva l'80% della ricchezza del paese. Espandendo la sua Pareto sostenne che una moltitudine di eventi e strutture sociali diversi seguono questo stesso principio. Ora conosciuta come la regola 80/20 o il principio di Pareto, la…

Continua a leggereDovremmo usare la regola 80/20 per affrontare i novax
happy woman shopping online at home
Photo by Andrea Piacquadio on Pexels.com

La rivoluzione del “Acquista ora paga dopo”

Photo by Andrea Piacquadio on Pexels.com Tra la selezione sempre crescente di opzioni di pagamento online, c'è un nuovo player.La soluzione che ti viene offerta dipende da dove vieni e con chi stai facendo acquisti. Che si tratti di Klarna, Afterpay, Sezzle, Scalapay la funzione di queste piattaforme di pagamento è la stessa: i consumatori ottengono il prodotto immediatamente senza pagare nulla in anticipo. Tutto quello che devono fare è impegnarsi in un piano di pagamento settimanale o mensile. Che cos'è Acquista ora paga dopo? I negozi online o fisici non devono più fare affidamento su banche e società di carte di credito per rendere i loro prodotti più appetibili. Molti si rivolgono a startup fintech come Klarna, Afterpay, Sezzle, Scalapay per offrire invece finanziamenti…

Continua a leggereLa rivoluzione del “Acquista ora paga dopo”
silhouette photo of woman against during golden hour
Photo by Jill Wellington on Pexels.com

Abbiamo ancora bisogno di un ufficio?

Photo by Greta Hoffman on Pexels.com I rapporti di lavoro non riguardano solo l’azienda, ma le reti (network sociali) e l’apprendimento di come navigare in un’organizzazione, determinando dove si trova il vero potere dietro le gerarchie formali. Tali questioni minacciano di acuire le tensioni generazionali visto che tantii giovani hanno limitato le loro vite per proteggere la salute delle generazioni più anziane. Ciò contraddirebbe le caratterizzazioni pre-pandemia dei lavoratori più giovani che si aspettano flessibilità lavorativa, inclusa la libertà di lavorare fuori dall’ufficio. Cort Rudolph, assistente professore di psicologia industriale e organizzativa alla Saint Louis University, afferma: “Proprio come gli oroscopi, l’idea delle generazioni è una costruzione sociale”. Meglio, suggerisce, esaminare come cambiano le esigenze dei lavoratori man mano che invecchiano e si sviluppano professionalmente.…

Continua a leggereAbbiamo ancora bisogno di un ufficio?
assorted silver colored pocket watch lot selective focus photo
Photo by Giallo on Pexels.com

Patek Philippe, l’orologio più raffinato e costoso del mondo

“Un Patek Philippe non è mai completamente tuo. Vostro è il piacere di custodirlo fino alla prossima generazione”. Questo è lo slogan del famoso e raffinato marchio di orologi  Patek Philippe, che non è cambiato in 20 anni; il che significa che sono riusciti in tutto. Una delle regole dell'eleganza è la discrezione e Patek Philippe ne è la rappresentazione. Lo troviamo sui social network e sul proprio sito web , tra l'altro considerato uno dei migliori siti online del settore, attento ad aggiornare sempre le informazioni così come i suoi design. Questo marchio di orologi ginevrino è nato grazie ad Antoine Norbert di Patek , un esule polacco dopo la fallita rivolta contro le forze russe che avevano invaso la Polonia. Ginevra a quel tempo era già una città in cui regnava uno spirito liberale, motivo per cui decise di stabilirsi…

Continua a leggerePatek Philippe, l’orologio più raffinato e costoso del mondo
girl holding a doll
Photo by Jansel Ferma on Pexels.com

Le bambole rotte di Instagram

Photo by Tofros.com on Pexels.com Instagram è il posto dove tutti vogliono vivere. Uno spazio dove la vita è perfetta; pieno di sorrisi, richieste sognanti, viaggi, lusso. Un mondo in cui tutti hanno l'opportunità di farsi sentire e di ricevere il riconoscimento sociale che una generazione spesso sottovalutata cerca disperatamente. Ma i social media sono sempre stati un'arma a doppio taglio. Una scommessa che ti toglie tanto quanto ti offre e che in molti casi, se uno non gioca bene le sue carte, la fantasia si trasforma presto in un incubo. Bodyshaiming, cyber bullismo, ansia, paura di non stare al passo.  Tutti coloro che convivono nei social lo sanno e ne pagano il prezzo per esistere in quel mondo ideale. È allora che la persona reale, quella dietro lo schermo, si rompe…

Continua a leggereLe bambole rotte di Instagram

Fine dei contenuti

Non ci sono più pagine da caricare